ENTI

I Costi


L’inserimento di una persona a Casa Thevenin da parte degli Enti affidatari ha costi variabili, sia in relazione alla sua età che al tipo di accoglienza richiesta, che sono sintetizzati nella retta giornaliera e comprendono perciò: alloggio, vitto, retribuzioni del personale educativo e assistenziale (la voce più impegnativa), spese per la vita quotidiana (la scuola e lo svago, lo sport e la cultura), vacanze estive e ogni altra spesa che una famiglia normalmente sostiene per i figli. La retta per l’inserimento nel gruppo appartamento Shalom, invece, comprende soltanto l’alloggio, le utenze (acqua, luce e gas) e i costi del personale educativo che segue il servizio, perché si tratta di un’accoglienza in autonomia e quindi assai meno onerosa. Il servizio reso dal personale religioso e dai membri del Consiglio di Gestione non influisce sui costi perché costoro sono totalmente volontari e non percepiscono alcun gettone né rimborso spese.

Ogni anno le rette vengono aggiornate in funzione dell’aumento Istat sebbene, nel 2013, la Fondazione abbia deciso di rinunciare totalmente a tale incremento per andare incontro alle crescenti difficoltà economiche in cui versano molti Enti che inviano le ospiti. Un gesto di responsabilità compiuto con consapevolezza che ci sta chiedendo come contromisura un forte impegno nel reperire maggiori fondi da donazioni private incrementando le attività di fundraising.

La retta giornaliera per i minori ospitati in comunità (accompagnati o no dalla madre) è di 93,64 € mentre per il solo servizio pomeridiano di semiconvitto scende a 34,79 €; quella per gli adulti è di 38,17 €; il costo giornaliero per le ospiti dell’appartamento Shalom è di 12,50 € a persona.
Tali importi sono esenti IVA, ai sensi dell’art. 10 del D.P.R. 16.10.1972 n. 633, e comprensivi di eventuali partecipazione alle spese da parte dell’utente (nel caso il Servizio sociale inviante ritenga di richiederla).

In presenza di posti disponibili le comunità si impegnano ad ammettere prioritariamente le richieste del Comune di Arezzo al quale, inoltre si applicano rette ridotte negli importi in quanto socio fondatore della Fondazione Thevenin.